Progettando 2022

 

TERRITORIO CREATIVITÀ TRADIZIONE

Le avventure capitano a chi le sa raccontare.

Ci siamo sempre trovati d’accordo su una cosa: l’Osteria doveva riuscire a trasmettere un’emozione, una sensazione, qualcosa che rimanesse impresso nelle persone grazie a un’identità ben distinguibile.
Abbiamo aperto un anno e mezzo fa, a Tortona, davanti alla stazione. È stata una scelta voluta: da una parte il fatto di tornare nel paese in cui siamo nati per poter ripercorrere le nostre radici; dall’altra il fatto che la stazione rappresenta il viaggio, qualcosa che ha sempre fatto parte della nostra vita.
La cucina è un invito all’internazionalità, viaggiare per il mondo attraverso le materie prime offerte dal territorio. L’apertura verso il mondo è un punto fondamentale, un territorio può crescere solamente attraverso una visione globale che non perde mai di vista il sostegno dell’economia locale. In questo senso è una cucina che viaggia, seguendo i nostri percorsi ed esperienze, coniugando tecniche e sapori di culture diverse con la valorizzazione dei prodotti che offre il nostro paese.

Questo è FUN-DINING.

PRANZO

ANTIPASTI 

CARNE CRUDA

Carne cruda di manzo e olio al limone.

TRIPPA E POLENTA

Trippa di manzo in umido e polenta.

MAIALINO TONNATO

Maialino, crema consistente tonnata, salsa au jus, capperi di Pantelleria e timo.

ACCIUGHE AL VERDE

Acciughe insaporite da una salsa verde a base di prezzemolo, olio, mollica di pane e aceto.

PRIMI PIATTI

LASAGNA

Lasagna di pasta fresca all’uovo.

TAJARIN

Tajarin di pasta fresca all’uovo e ragù di fassona.

GNOCCHI

Gnocchi di patate bianche di Garbagna alla zucca e rosmarino.

VELLUTATA

Sempre stagionale, a seconda del mercato o del raccolto.

SECONDI PIATTI

Con contorno del giorno.

BATSOÀ

Bastoà di polpo impanato

ROLLATA

Rollata di manzo alle erbe aromatiche.

CACCIATORA

Pollo ruspante alla cacciatora.

HOT POLP

Brioche salata veneziana, polo di Santa Lucia, uova di cortile strapazzate, verza stufata salsa al vermouth, maionese e maggiorana.

CENA

CHICCHETTI FESTIVAL 

Il CICCHETTI FESTIVAL è un invito all’internazionalità, a viaggiare per il mondo attraverso le materie prime offerte dal territorio. L’apertura verso il mondo è un punto fondamentale, un territorio infatti può crescere solamente attraverso una visione globale che non perda di vista il sostegno dell’economia locale. In questo senso è una cucina che viaggia, seguendo i nostri percorsi ed esperienze, coniugando tecniche e sapori di culture diverse con la valorizzazione dei prodotti che offre il nostro Paese.

LARDA 

Filetti di alici pescate nel mar Cantabrico, lardo di Valli Unite e santoreggia.

CROCCHÉ 

Croccantissime all’esterno e cremose all’interno, Ripiene di calamari della Liguria, il loro nero e maionese allo iodio.

CARPACCIO 

Doppio sashimi di ricciola, gazpacho di quinto quarto e ricci di mare.

LUMACHE 

Lumache di Cherasco e spuma di patate bianche all’olio extra vergine di oliva.

.

BUBA TOAST 

Pan carré croccante, laccato al miele e ripieno di gamberi rossi, rosa e viola.

ARROSTO DI CONIGLIO CRUDO 

Tartare di coniglio crudo, ma arrosto.

ANTIPASTI

INSALATA VEGETALE

Sempre stagionale, proviene da contadini amici con i quali dialoghiamo.
(a seconda del mercato o del raccolto)
Ogni verdura cruda è ricca di enzimi, di acqua e fibre in grado di stimolare al meglio la digestione. Ecco perché mangiare l’insalata prima di ogni pasto fa bene.

PROSCIUTTO

Prosciutto Bellota tagliato al coltello, frittata di patate bianche e crema di pomodoro.
Il Prosciutto nobile spagnolo.

OSTRICA

Ostrica Gillardeau n°2 e salsa ponzu.

Ogni sensazione è equilibrata, la leggera sapidità viene equilibrata da una dolcezza unica nel suo genere.

SCAMPI

Scampi crudi, kefir e carote in osmosi di maracuja.

Gioco goloso tra dolce e salato.

HOT POLP

Brioche salata veneziana, polpo di Santa Lucia, uova di cortile strapazzate, verza stufata, salsa al vermouth Baldino rosso di Tortona, maionese montata a mano e maggiorana.

La libertà di mangiare, polposo.

TONNATO

Vitello bianchetto, crema consistente tonnata, salsa au jus, capperi di Pantelleria e timo.
Un omaggio al Territorio.

PRIMI PIATTI

RISO ROSTO

Riso Carnaroli arrosto, cinque varietà di pescato e zafferano Montébore.

Note che si bilanciano in modo suadente.

PLIN PLIN

Ravioli del plin con salmerino alpino, il suo fondo e acetosa verde.

Ampio, la forza gustativa del collagene riempie le papille.

GNOCCO

Gnocco di patate garbagnole, robiola e olio di alloro.

Un piatto esplosivo.

CUBEROLL

Tagliata di Cuberoll di Scottona, crema di Parmigiano Reggiano rucola e limone.

La nostra reinterpretazione della tradizione.

MAIALE E FOCACCIA

Maiale nero di Cavour in panatur di focaccia, insalata e salsa au jus di pomodoro e basilico.

L’effetto è un gusto potenziato, intenso e insime delicato.

MERLUZZO ALLA LIGURE

Filetto di merluzzo e foglio di olive, capperi, acciughe, prezzemolo e limone.

Creatività ragionata.

Orari di apertura

LUN – MER – GIO – VEN – SAB – DOM

FUN POP

12:00  16:00

FUN DINING

19:00 – 24:00

MARTEDÌ
Giorno di chiusura


Contatti

Osteria Billis

Viale Piave, 5
15057 Tortona (AL)

0131 17 10 587

osteriabillis@gmail.com

Recensioni

Press

Identità Golose

Amm Pappa Buona

I fratelli Billi si muovono ed esplorano più livelli, innovano, accelerano. In una sola parola: spaccano.

Gli sforzi si moltiplicano in esponenziale, perché i precursori – nell’imprimere il proprio cambio di passo – sono sempre quelli che devono anche sapersi costruire un audience tutto nuovo, e far comprendere agli altri la propria visione.”

Leggi tutto l’articolo

Il Popolo

Capasanta in Crosta Kashmiri

” Il piatto che ci presenta Alessandro racconta la sua idea di viaggio: le capesante di Caorle, isola della laguna veneta alla quale è molto affezionato, incontrano il Piemonte, rappresentato dalle nocciole, fino ad arrivare alle Indie racchiuse nella “kashmiri”, mix di spezie leggermente piccanti dal sapore unico.

Leggi tutto l’articolo

Identità Golose

Secreto di Tamarindo

“Lo chef dell’Osteria Billis di Tortona presenta un piatto che rappresenta un incontro armonico tra sapori e ingredienti provenienti da diverse culture e tradizioni”

Leggi tutto l’articolo

Touring Club Italiano

“mise en place impeccabile, comode sedute e luci calde e calibrate; anche il servizio si rivela ben orchestrato, i tempi di uscita svizzeri, la carta dei vini ben pensata e già capace di un’offerta profonda e non banale. La cucina è quella di Alessandro, chef giovane, classe ’90, fautore di una cucina essenziale, scevra da qualsivoglia eccesso, tesa alla ricerca di una sobria centralità che ottiene con eleganza.

Leggi tutto l’articolo

Roma Gourmet

“apro la porta alla “Cena spaziale” della Billis Osteria, prenotata qualche giorno prima e che mi viene consegnata dal maître Filippo Billi in persona. Un primo aspetto molto rilevante, perché oltre a mantenere un minimo rapporto umano con un ristorante che frequentavo (dietro la mascherina si intuisce un sorriso)

Leggi tutto l’articolo

Identità Golose

“Sono solo agli inizi e questo rende ancora più importante dar loro fiducia. Hanno aperto l’osteria il 1° settembre 2018, in un gazebo pieno di vetrate davanti alla stazione ferroviaria. Tutto rifatto per offrire buon bere e buoni bocconi sul davanti, ottimi piatti sul retro. Sono partiti con il piede giusto e questo permette loro di progettare un goloso raddoppio”

Leggi tutto l’articolo

Ambasciatori del Gusto

“Deciso, curioso e creativo. Tutti elementi che si traducono nel gusto dei suoi piatti con sapori forti e intensi. “No ai romanticismi, i profumi che mi appartengono sono erba bagnata, fondo lagunare, aria di porto, fango, fieno” è solito dire Alessandro.”

Leggi tutto l’articolo

Girotonno

“Ad aggiudicarsi i prestigiosi premi speciali come “ Miglior presentazione” e “ Originalità”, assegnati esclusivamente dalla giuria tecnica presieduta dallo chef e attore Andy Luotto, è stato l’ Ecuador con gli chef Alvaro Daniel Quimi Guerron e Filippo Billi con il piatto “ Encellado frio” a base di ventresca, radice di tapioca, pomodorini datterino e spezie.”

Leggi tutto l’articolo

Le Guide de l’Espresso

“Due giovani Tortonesi, con trascorsi a Milano e in Veneto, tornano alle radici per proporre la loro idea di cucina di territorio, fra contaminazioni e voglia di sperimentare. In carta, cambiata spesso e costruita sui prodotti dell’Alessandrino (e sul pesce), piatti come il riso al Montébore (formaggio ovino e vaccino), i bottoni di guancia con rafano e gamberi rossi e il calamaro alga e ‘mirin’ (sakè dolce). La cantina è un’ode ai Colli Tortonesi. Cicchetti al bar annesso.”

ilGolosario

Dopo Condividere, Cjasal e Caffè del Lupo, una proposta di cocktail e cibo nel segno del pairing

“C’è una felice confusione che mette al centro la cucina, a patto che le portate esprimano condivisione. Sul tavolo può arrivare tutto insieme, seguendo solo la scansione freddo caldo, secondo un’impostazione propria di altre culture.” 

Leggi tutto l’articolo

Porzioni Cremona

“Filippo si muove con professionalità non da poco, è attento sui vini, alla coreografia del tavolo e a tanti dettagli che arricchiscono il servizio (basterebbe citare il pane spezzato a mano), è stato eletto finalista a Emergente Sala a Merano al termine di una difficile competizione e lo ritroveremo quindi a Roma per la finale. In cucina il fratello non è da meno, con una cucina contemporanea, volutamente aperta alla contaminazione, e qualche nota azzardata spesso inserita nel contesto.” 

Leggi tutto l’articolo

Amm Tortona Buona

“«Amm Tortona Buona è un miraggio diventato realtà», ha detto Alessandro Billi che, tornato da un anno nella sua città natale, gestisce con il gemello Filippo in sala l’Osteria Billis e che, con Anna Ghisolfi ha curato la cena a 4 mani per gli ospiti del battesimo dell’associazione.”

Leggi tutto l’articolo

ilGolosario

“Mancava un locale proprio di fronte alla stazione, che tanto piacerebbe al collega Camillo Langone. Ci hanno pensato due fratelli gemelli, Filippo e Alessandro Billi, 28 anni, con esperienze da Berton il primo (Filippo è in sala) e in un ristorante di Tokyo, Alessandro.

Leggi tutto l’articolo

Fraschetta senza confini

“Cucina innovativa. Non vi sono piatti di riproposizione e riproduzione. Piatti nuovi, inventati. Con spirito da Transavanguardia. Che parte dal pregresso universalmente noto. “

Leggi tutto l’articolo